Integrazione Spirito e Materia.. la Via d’Uscita dallo Psicodramma

Inserito in Grazia Foti Articoli

Integrazione Spirito e Materia.
 
Integrazione Spirito e Materia.. la Via d’Uscita dallo Psicodramma
 
 

Solo una Integrazione Spirito e Materia.. può rappresentare la via d’uscita dallo psicodramma personale e collettivo. E sta diventando un’esigenza!

Lavorando con la gente, ho notato che uno dei luoghi comuni più diffusi, in merito alla spiritualità, è che chi si dedica a tematiche spirituali ma anche emozionali, sia un tipo poco pratico e di conseguenza possa sicuramente avere difficoltà nello svolgimento delle proprie attività lavorative, economiche e relazionali.

Secondo il gregge.. sembra proprio che il corpo non debba sapere ciò che fa l’anima e viceversa.

In realtà non è così, ma è esattamente il contrario: solo integrando tutti i piani costitutivi dell’essere, l’uomo può arrivare ad una vera autorealizzazione in tutti i campi dell’esistenza. Poichè ogni traguardo raggiunto, passa attraverso il proprio stato di coscienza.

Tutto assolutamente tutto viene da noi attratto in base a ciò che EMANIAMO.
 
 
Ma guardati intorno, cosa vedi?
Non a caso in questa epoca il consumo di ansiolitici, tranquillanti, psicofarmaci, droghe e alcool è elevatissimo e come non mai i suicidi, solo in Italia, sono stimati di circa 350 casi ogni mese.
Puoi ben vedere che Il gregge è fagocitato dal sistema, il quale si autoalimenta dal gregge stesso.

Ciò che sfugge alle masse, è che integrare anzi re-integrare, la parte spirituale al lavorio incessante della mente, che risponde e re-agisce ai Comandi Interiori Emotivi, è la strada maestra per realizzare i propri talenti.

Se cerchi un motivo al tuo essere qui, avrai capito che non è solo per pagare il muto o aprire un conto in banca, ma sei qui soprattutto per soddisfare l’intento dell’Anima.. anche perchè siamo tutti velocemente in cammino verso la perdita del corpo fisico e dell’intelletto.
 
 
Di fatto diventi molto più CONCRETO se attui le tue potenzialità animiche, che automaticamente si riversano sul piano della materia… che se la notte ti prendi un calmante per dormire e la mattina assumi uno stimolante per andare al lavoro, perchè la materia che crei emana dalla tua coscienza.

Arriviamo tutti al cimitero, passando per un certo grado di evoluzione animica, ma non aspettare il trauma per capire di esserci.

Comprendere la profonda differenza tra Anima e personalità, tra re-azione inconscia e azione consapevole, tra presenza e meccanicità, tra senso del discernimento e istinto del giudizio.. ti rende padrone del TUO futuro e non più vittima del tuo passato.
 

“L’uomo è costituito da due parti: essenza e personalità.
L’essenza è ciò che è suo
La personalità è ciò che non è suo
Ciò che non è suo significa: ciò che gli è venuto dall’esterno, quello che egli ha appreso; quello che riflette; tutte le tracce di impressioni esteriori rimaste nella memoria e nelle sensazioni, tutte le parole e tutti i movimenti che gli sono stati insegnati, tutti i sentimenti creati dall’imitazione..
L’essenza è la verità nell’uomo; la personalità è la menzogna.
Man mano che la personalità cresce; l’essenza si manifesta sempre più raramente, sempre più debolmente; sovente l’essenza si arresta nella sua crescita ad un’età molto tenera.. “G.I. Gurdjieff
 
 

INOLTRE..
 
IL SENSO DEL “SERVIZIO” è in relazione alla realizzazione del proprio Sè.
Quando manca questo requisito NON puoi aiutare nessuno, perchè sei come un albero senza le radici.. che crolla al primo temporale.
Solo l’integrazione tra Anima e personalità può dare forma e sostegno alla struttura di un essere, poichè se coltivi solo la personalità sei un guscio vuoto.
Corpo, mente, emozioni sono l’involucro più denso, attraverso il quale lo spirito fa esperienza terrena.
Se la personalità è tale da essersi distaccata, strada facendo, dallo spirito-madre, la tua identità può sciogliersi come neve al sole. Al contrario quando anche dopo aver attraversato l’Ade, rimani aderente agli intenti dell’Anima puoi ritrovare il senso di continuità per il quale sei venuto a fare esperienza temporanea nella materia.
In pratica, sto cercando di spiegarti, che l’unica identificazione possibile di un essere incarnato, è quella con la propria anima cosciente e non quella con eventi, relazioni, ruoli terreni e nemmeno col proprio nome o cognome.
La tua identità anagrafica andrà presto perduta insieme al corpo minerale, eterico, astrale e mentale.. e al sistema nervoso.

Ovviamente le qualità vibratorie che assumi in questa vita rimangono impresse nell’Akasha del tuo percorso, come “atomi permanenti” e gettano i semi per le future incarnazioni.

 
 
Grazia Foti
Naturopatia Integrata

 
 
Ambiente Olistico staff
 
 

Integrazione Spirito e Materia.. la Via d’Uscita dallo Psicodramma